Meditazione È

La meditazione è larte o la tecnica di calmare la mente in modo da placare il brusio interminabile che normalmente riempie la nostra coscienza. Nella quiete di una mente silenziosa, chi medita inizia a diventare un osservatore, a raggiungere una condizione di distaccamento e infine a essere consapevole di uno stato di coscienza superiore

Brian Weiss

Meditazione è semplicemente scoprire di stare bene con se stessi, qualsiasi cosa stiamo facendo.
Meditazione è disciplinare la mente per raggiungere la concentrazione sul qui e ora, lasciando andare ansie, preoccupazioni e pensieri superflui e godere completamente dell’attimo presente.

Meditazione è entrare dentro se stessi e scoprire uno stato di profonda auto-osservazione, passando attraverso il respiro per avvertire cosa succede a livello fisico, osservando le proprie sensazioni. A livello mentale, praticando si impara a osservare e a gestire l’agitazione dei pensieri, delle emozioni e dei ricordi, per entrare ancora più profondamente dentro se stessi, con la mente che osserva la propria mente, a livello di coscienza.

Meditazione e’ scoprire che la mente puo’ essere messa in uno stato di quiete se lo vogliamo semplicemente, senza costrizioni. Se indaghiamo, ascoltiamo e osserviamo come funziona il pensiero, con i suoi movimenti, condizionamenti, paure e piaceri, naturalmente la mente diventerà quieta e incredibilmente attiva.

Meditazione è raggiungere uno stato di pace profonda, quando la mente diventa calma e silenziosa.

Meditazione è imparare a dialogare con se stessi, riportando l’attenzione dalle cose esterne al proprio Io interiore.

In ultima analisi, Meditazione è la cessazione di ogni pensiero, il superamento dellIo individuale, è la scoperta nella profondita’ del proprio Sé, dellunico Assoluto esistente.

meditazione è symphonia del respiro
meditazione è symphonia del respiro

IL METODO NEL NON-METODO

Fate che la mente sia vuota, e non piena con le cose della mente. Allora ci sarà solo meditazione, e non un meditatore che sta meditando. La mente irretita dalla fantasia può solo nutrire illusioni. La mente deve essere chiara, senza movimento, e nella luce di quello splendore l’eterno è rivelato

Jiddu Krishnamurti

Il pensiero è nel passato e la meditazione è sempre nel presente, pertanto per stare nel presente la mente deve lasciare tutti i suoi pensieri, immagini e abitudini.

Il non-metodo è quello di osservare costantemente la progressione dei propri pensieri in silenzio con gli occhi chiusi e quando si è raggiunta una certa familiarità con la pratica, è un esercizio che si deve continuare sempre, anche durante tutte le azioni del quotidiano.

Attraverso la costante osservazione del proprio pensiero, si arriva alla conoscenza di se’, la mente immobile comprende la realtà dove c’è attenzione, senza pensiero reattivo.

E’ il non-metodo della consapevolezza.

Questo processo per calmare la mente, nasce in modo spontaneo prendendo coscienza della propria condizione, come quando ci si sveglia da un sonno profondo.

Naturalmente si scopre di vivere in un presente continuo, dove il passato muore a ogni istante.

Per concludere una profonda riflessione del pensiero di Jiddu Krishnamurti:

Quando luomo diventa consapevole del movimento dei propri pensieri, vede la divisione fra pensatore e pensiero, fra osservatore e osservato, fra colui che sperimenta e lesperienza. Scopre che questa divisione è unillusione. Solo allora c’è pura osservazione, che è insight senza alcuna ombra del passato o del tempo. Questo insight senza tempo produce una profonda e radicale mutazione nella mente. La negazione totale è lessenza del positivo. Quando c’è la negazione di tutto quello che il pensiero ha generato psicologicamente, solo allora c’è amore, che è compassione e intelligenza.

meditazione è symphonia del respiro
meditazione è symphonia del respiro

I BENEFICI PIU’ COMUNI

Comprendere se stessi è linizio della saggezza. La saggezza non si trova nei libri, né nellesperienza, né nel seguire qualcun altro, né nel ripetere una quantità di banalità. La saggezza perviene a una mente che comprende se stessa, che comprende come è nato il pensiero. Avete mai esaminato o chiesto: qual è linizio del pensiero, come si origina il pensiero? Si tratta di una cosa importantissima da capire. Perché se siete in grado di comprendere linizio del pensiero, allora forse potete ritrovare una mente che non è oppressa dal pensiero.

Jiddu Krishnamurti

I benefici della meditazione sono molteplici.

Il primo effetto che si riscontra in tutti coloro che la praticano, è il rilassamento del corpo fisico. Focalizzando l’attenzione sul nostro corpo mentre si rilassa, percepiamo un maggiore equilibrio dei nostri muscoli e dei nervi che si distendono, la frequenza cardiaca si armonizza e si potenzia la consapevolezza del respiro, che durante la meditazione aiuta a calmare la mente e a sviluppare pace interiore.

Quando il corpo si rilassa, siamo più predisposti ad ascoltarci e a interagire con le nostre emozioni, a riconoscerle e a gestirle. Imparando a conoscere le nostre emozioni, sveliamo a noi stessi pensieri inutili, ansie, preoccupazioni e riconosciamo quel chiacchierio incessante, che intasa la nostra mente.

Quando questo flusso continuo di pensieri che si rincorrono tra passato e futuro rallenta, riusciamo ad ancorarci nel presente scoprendo la meraviglia di vivere nel qui e ora, mettendo a fuoco la realtà per quella che è, realizzando una mente più chiara e lucida.

La meditazione illumina la nostra mente e concede spazio a pensieri migliori, ci apre a una maggiore creatività. La costanza nella pratica ci aiuta a rimanere centrati per affrontare e risolvere i problemi del nostro quotidiano, in modo produttivo e propositivo.

La pratica costante ci  insegna la pazienza e a vivere la vita con meno attaccamento e sofferenza.

meditazione è symphonia del respiro
meditazione è symphonia del respiro

Questo nuovo equilibrio ritrovato ci permette di sperimentare nuove abitudini e nuovi comportamenti, più consapevoli.

La pratica della meditazione sviluppa naturalmente un senso di gratitudine verso la propria vita, scoprendo che la felicità esiste dentro di noi, anche nelle cose più semplici.

Quando il corpo e la mente si rilassano, riusciamo a dormire meglio e ad affrontare il quotidiano con una rinnovata energia vitale.

La pratica costante della meditazione potenzia la concentrazione e migliora la nostra abilità di mantenere attive, nel nostro cervello, le informazioni che riceviamo.

Con la meditazione purifichiamo la nostra mente, prendendo consapevolezza di noi e del nostro corpo, e ancora oltre, ci immergiamo in uno stato di profonda auto-osservazione, dove da spettatori ascoltiamo sensazioni, pensieri, emozioni e ricordi.